logoQualita1

Azienda ospedaliero-universitaria "Policlinico-Vittorio Emanuele"

Via S. Sofia 78, Catania

095 7435251

qualita.rischioclinico@policlinico.unict.it

U.O. per la Qualità

e Rischio Clinico 


facebook
twitter
linkedin

dal 19 febbraio 2018

NEWS

@All Right Reserved 2018 -

Sito realizzato da Flazio Experience 

INFO COOKIE POLICY

Per maggiori informazioni:

v.parrinello@ao-ve.it

​095 7436460

Unità Operativa per la Qualità e Rischio Clinico.

09/03/2018, 08:33

procedure, formazione



La-qualita-in-azione
La-qualita-in-azione
La-qualita-in-azione
La-qualita-in-azione
La-qualita-in-azione


 I gruppi di lavoro multidisciplinari per la revisione delle procedure aziendali



l 7 marzo us ha preso avvio il processo di revisione delle procedure aziendali.
Uno dei requisiti del Sistema diGestione per la Qualità è l’organizzazione "delleinformazioni documentate necessarie per l’efficacia del sistema di gestione perla qualità".La gestione delle informazioninecessarie per l’esecuzione dei processi nel contesto sanitario assume unaparticolare rilevanza a causa della complessità dell’organizzazione e delleconseguenze che può comportare un errore dovuto a carenze di informazioni daparte dell’operatore.Tale considerazione si estendeanche per i processi ed attività di supporto, che pur apparendo lontani daiprocessi clinico-assistenziali, tuttavia li condizionano, influenzandone irisultati, gli esiti e la qualità percepita dai cittadini.Per garantire che taliinformazioni siano conosciute ed applicate nelle varie articolazioniorganizzative dell’Azienda, esse vengono veicolate sui supporti, cartacei e/oinformatici, che costituiscono il sistema documentale, in accordo con quantocontenuto nella norma UNI EN ISO 9000:2015, che definisce il documento come "informazioni e il mezzo in cui sonocontenute". In tal senso la gestione efficacedelle informazioni relative alle modalità di svolgimento delle attività,mediante la formalizzazione scritta di dette modalità, rappresenta unostrumento di governo clinico e di gestione del rischio, in quanto la gestionedel sistema documentale attraverso un processo rigoroso di: 
  • redazione condivisa,che tenga conto delle migliori evidenze scientifiche, di modelli di buonapratica clinica ed organizzativa, 
  • approvazione da partedi chi ha l’autorità, 
  • diffusione tra glioperatori, 
  • monitoraggio deirisultati,rappresenta uno strumento idoneoalla prevenzione degli errori dovuti a difetti di pianificazione e/o allainterpretazione soggettiva nella esecuzione delle attività per l’assenza diinformazioni formalizzate, condivise ed autorizzate. 
La costruzione del sistemadocumentale di gestione dei processi e delle attività e la definizione dellemodalità per tenerlo sotto controllo è quindi finalizzata alla gestione delleinformazioni e delle registrazioni necessarie per supportare il funzionamento eil monitoraggio dei processi necessari per il Sistema di Gestione per laQualità.La costruzione del sistemadocumentale comporta il passaggio da organizzazione "informale" a organizzazione "formale",che è finalizzato alla identificazione delle modalità sicure ed appropriate diesecuzione di una attività con l’obiettivo di: 
renderle il piùpossibile oggettivo, sistematico e verificabile lo svolgimento di un processo; 
  • garantire la stabilitàdel risultato delle attività medesime;
  • fornire una piattaformaper il miglioramento continuo;
  • rendere comprensibili echiari i compiti, gli ambiti di competenza e le responsabilità degli operatoricoinvolti in un processo; 
  • definire le modalitàcorrette di esecuzione di una attività e di utilizzo delle risorse disponibili,gli obiettivi ed i risultati attesi. 
 Le istruzioni scritte quindiassicurano che lo svolgimento di processi ed attività non sia affidato allainterpretazione soggettiva bensì sia il risultato di un percorso ragionato,talora condiviso e comunque autorizzato.Tale approccio "formale" permette inoltre lastandardizzazione dei processi e delle attività, garantisce la costanza deirisultati, rende possibile la valutazione della efficacia e della efficienzadei processi nonché la individuazione di criticità e di scostamenti dalla "buona pratica" individuata dallaprocedura/istruzione.Tale approccio fornisce anche glistrumenti con i quali realizzare i principi del "ciclo del miglioramento continuo della qualità" e del gestione delrischio clinico attraverso la pianificazione di una attività, l’esecuzione, il controllo e le azionicorrettive.
80 operatori sanitari delle diverse professioni e discipline hanno avviato il processo di revisione delle procedure relative a sanitizzazione delle sale operatorie, scheda di terapia unica, carrello di emergenza e consenso informato. 


1
Create a website