logoQualita1

U.O. per la Qualità

e Rischio Clinico 

Azienda ospedaliero-universitaria "Policlinico-Vittorio Emanuele"

Via S. Sofia 78, Catania

095 7435251

qualita.rischioclinico@policlinico.unict.it

appello

Il tempo è vita: pensa alla sepsi


facebook
twitter
linkedin

dal 19 febbraio 2018

@All Right Reserved 2018 -

Sito realizzato da Flazio Experience 

INFO COOKIE POLICY

Per maggiori informazioni:

v.parrinello@ao-ve.it

​095 7436460

Firma l'appello all'Assessore della Salute

della Regione Siciliana

In tutto il mondo la sepsi è una delle sindromi cliniche mortali più comuni. E' una delle condizioni che colpisce con uguale ferocia i Paesi poveri e i Paesi industrializzati.
 

Nei Paesi sviluppati, durante l’ultima decade, l’incidenza della sepsi è drammaticamente aumentata con un tasso annuale dell’8-13%.
Oggi fa più vittime del cancro al colon e del cancro della mammella insieme. La sepsi rimane la principale causa di morte da infezione nonostante i progressi nella medicina moderna, tra cui i vaccini, gli antibiotici e le cure intensive, con tassi di mortalità intraospedaliera del 30-60%.

 

Le ragioni dell’incremento del tasso d’incidenza sono complesse e comprendono l’invecchiamento della popolazione, lo sviluppo di infezioni antibiotico-resistenti, le infezioni contratte dai pazienti con immunodeficienza, le malattie croniche come il diabete, che sono associate ad un aumentato rischio di complicanze infettive e le infezioni correlate all’assistenza. Queste ultime talora sono la conseguenza dei progressi della medicina, in quanto il ricorso alle moderne terapie immunosoppressive e citotossiche, ai trattamenti chirurgici avanzati ed alle cure intensive più innovative anche nei pazienti fragili, improponibili nel recente passato, espone a tali eventi. 

 

Nonostante la sua incidenza, la sepsi è praticamente sconosciuta al pubblico e viene spesso confusa con la setticemia. 
 

La sepsi insorge quando la risposta del corpo ad un’infezione danneggia i suoi stessi tessuti e organi. Può portare allo shock, all’insufficienza multi-organo e alla morte, specialmente se non viene riconosciuta in tempo e trattata tempestivamente. 
Solide evidenze, infatti, sostengono che il successo del trattamento dipende dalla tempestività delle cure. Ogni ora di ritardo aumenta la mortalità dell’8%.

 

Per arginare questa marea crescente e adottare misure adeguate al fine di invertire definitivamente l’aumento globale del numero di morti per sepsi, la Global Sepsis Alliance ha lanciato un appello mondiale all’azione, chiedendo a tutti i soggetti interessati di impegnarsi per ridurre l’incidenza e la mortalità per sepsi.
Tratto da:     Global Sepsis Alliance. World Sepsis Declaration. https://www.worldsepsisday.org/declaration

 

Aderendo all’appello della Global Sepsis Alliance, chiediamo all’Assessore alla Salute della Regione Siciliana di:
•    Inserire la sepsi tra le affezioni tempo-dipendenti
•    Promuovere l’inserimento dell’argomento sepsi tra i bisogni formativi del personale sanitario della Regione Siciliana

Firma l’appello

Web agency - Creazione siti web CataniaCreare un sito per hotel